IL GIARDINIERE IMPROVVISATO

 

 

 

17 gennaio 2005

 

Pazze pazze azalee
Nel cuore dell'inverno, quando il giardino sbiadisce per effetto del gelo e della siccità, le due azalee piantate alla base dei noccioli sono al meglio della loro espressione: le foglie persistenti si tingono di porpora, facendo risaltare le altre, più riparate e di un bel verde brillante. Certe diventano rosso ciliegia, e quasi le si può scambiare con i fiori che di qui a due mesi dovrebbero trasformare questi piccoli arbusti in un inno alla primavera. Sono certamente in ottima salute, collocate in un substrato acido che ogni anno viene arricchito dalle foglie dei castagni, scaldate dal sole nella brutta stagione, riparate invece dalle chiome dei noccioli in estate. Tutto perfetto, dunque...Macché! Ostinatamente, all'arrivo della primavera, le azalee sembrano aver passato le pene dell'inferno, si spogliano dei loro bei colori e a stento mettono qualche piccolo, sporadico bocciolo. Tornano, ohibò, magnifiche durante l'estate, verdissime e aggraziate. Dove sta l'errore?

 

Vai alle pagine precedenti

Terminator

Pazze pazze azalee

La rosa più brutta

Ancora storie di amici...nemici

Potare o non potare?

 

Home Le piante La mappa Diario E-mail